festa del papa frasi

Festa del Papà Frasi

Auguri Festa del Papà

La Festa del Papà è una famosa ricorrenza che cade nel giorno del 19 marzo di ogni anno, giornata che viene ricordata anche per San Giuseppe. almeno in Italia, in quanto negli altri paesi il giorno varia da paese in paese. Al di la del valore religioso , questa è una giornata speciale per ricordare ai nostri padri quanto gli siamo grati per tutto l’amore e i sacrifici che hanno fatto per noi! Oggi è un giorno dove tutti i problemi si possono appianare, mettendo da parte piccoli rancori, ricordando quanto è importante la figura del papà. Vi proproniamo una serie di bellissime frasi  di auguri per la festa del papà da dedicare a chi bi ha cresciuto e che, nonostante l’età, che si abbia 10 anni o 40 …il papà è sempre una figura che si nasconde dietro un angolo per proteggerici e guidarci! Una bella lettera per la festa del papà potrebbe essere una simapatica idee per utilizzare una poesia o un aforisma che cada a pennello con quello che provate! Frasi bellissime che potrete accompagnare a tantissime altre idee per la festa del papà o perchè no, scriverla addirittura con una penna alimentare su di una simpatica torta per la festa del papà. Il web ne è pieno garantisco! 😉

festa del papa frasi

Il papà…è un uomo speciale…che ama i suoi figli più di qualsiasi altra cosa al mondo, non esiste sport, lavoro o passione più forte per un padre…che l’amore di un figlio. Non sempre riusciamo a dimostrare quando importante sia tutto l’amore che riceviamo e non sempre riusciamo a capirlo…Non aspettiamo che sia troppo tardi..Tiriamole fuori queste belle parole e auguriamo ai nostri papà tutto l’amore che proviamo…un modo per dire semplicemente… grazie di esistere…AUGURI PAPA’!

Frasi Festa del Papà – Le più belle frasi sui Papà

Ogni uomo può essere padre. Ci vuole una persona speciale per essere un papà. (Anonimo)

Oggi è la festa del papà. A 10 anni lo vedi come l’uomo più forte del mondo. A 20 pensi che non capisca nulla, con lui non sei d’ accordo su niente. A 30 cominci a pensare che forse sei tu a non capire un cavolo. A 40, quando anche tu sei un papà vai a trovarlo perché qualcosa di utile e interessante te la dice sempre. A 50 ogni volta che lo vedi e pensi agli anni passati viene una dolce malinconia dei momenti passati insieme. Ora vorrei fargli gli auguri perché è la sua festa ma non c’è più.
(Davide Cassani)

Mio padre mi ha fatto il più bel regalo che qualcuno poteva fare a un’altra persona: ha creduto in me.
(Jim Valvano)

Un padre è qualcuno che ti prende in braccio e ti insegna a ridere. Qualcuno che quando chiudi gli occhi puoi sentire il suo cuore battere nel tuo. Qualcuno che con la sua mano grande come il cielo ti indica la strada. Qualcuno che, basta un soffio appena nei polmoni, per toglierti ogni paura. Che grande forza che ha un padre.
(Fabrizio Caramagna)




Anche la foto ai bambini fatta dalla mamma
è diversa da quella del papà.
(Beno Fignon)

Tutti i papà hanno il loro fischio speciale, il loro richiamo speciale. Il loro modo di bussare Il loro modo di camminare. Il loro marchio sulla nostra vita. Crediamo di dimenticarcene, ma poi, nel buio, sentiamo un trillare di note e il nostro cuore si sente sollevato. E abbiamo di nuovo cinque anni: stiamo aspettando di udire i passi di papà sulla ghiaia del vialetto.
(Pam Brown)

Per tenere un bambino in braccio ti basta solo l’amore, per allevarlo ti serve molto di più, per essere suo padre, ti deve dare qualcosa anche Dio.
(Elis Râpeanu)

Il più grande ragalo che un padre può fare ai suoi figli, è amare sua madre.
(Anjaneth Garcia Untalan)

Una madre nasce contemporaneamente a suo figlio. Un padre a volte aspetta degli anni prima di nascere
(Fabrizio Caramagna)

Un padre è sufficiente a governare un centinaio di figli, ma un centinaio di figli non riescono a governare un padre.
(George Herbert)

Credo che si diventi quel che nostro padre ci ha insegnato nei tempi morti, mentre non si preoccupava di educarci. Ci si forma su scarti di saggezza.
(Umberto Eco)

Per quanto severo che sia un padre nel giudicare suo figlio, non sarà mai tanto severo come un figlio che giudica il padre.
(Enrique Jardiel Poncela)

Mio padre mi ha fatto il più bel regalo che qualcuno poteva fare a un’altra persona: ha creduto in me. (Jim Valvano)

A volte penso che mio padre sia una fisarmonica. Quando lui mi guarda e sorride e respira, sento le note. (Markus Zusak)

Il vero padre è colui che apre il cammino con la sua parola, non colui che ti trattiene nella rete del suo rancore.
(Christian Bobin)




Quando un uomo si rende conto che forse suo padre aveva ragione, solitamente ha già un figlio che pensa che lui si stia sbagliando.
(Charles Wadsworth)

I padri devono sempre dare, per essere felici. Dare sempre, l’esser padre sta in questo.
(Honoré de Balzac)

Chi è in grado di essere un buon figlio sarà un buon padre.
(Anonimo)

I genitori sono oggi più preoccupati di farsi amare dai loro figli che di educarli, più ansiosi di proteggerli che di sopportarne i conflitti. Il che vale a maggior ragione per i padri.
(Anonimo)

Un bambino sulle spalle di suo padre: nessuna piramide o colonna dell’antichità è più alta
(Fabrizio Caramagna)

Essere un buon padre è come farsi la barba. Non importa quanto sei stato bravo a raderti oggi, devi farlo di nuovo domani.
(Reed Markham)

Non riesco a considerare nessuna necessità nell’infanzia tanto forte come la necessità di protezione del padre.
(Sigmund Freud)

Un re, realizzando la sua incompetenza, può delegare o abdicare alle sue funzioni. Un padre può non può fare nulla di tutto questo. Se solo i figli potessero vedere il paradosso, avrebbero capito il dilemma.
(Anonimo)

Frasi sulla Festa del papà divertenti

lettera per la festa del papà

Caro papà, è proprio vero che, se non ci fossi stato nella nostra vita, avremmo dovuto inventarti. Io, poi, ti rifarei proprio così come sei adesso. Certo, bisognerebbe avvisare la mamma, perché, secondo me, non sarà tanto d’accordo! Tanti auguri!”.

Per la tua festa voglio farti una promessa speciale: cercherò di non farti arrabbiare ……per almeno 5 minuti………. Auguri papà!!




“Non esiste nessun regalo che possa valere quello che tu vali per me. Ecco perché ho pensato di non fartelo! Non ti offenderai mica, papà? Tanti auguri!”.

“Questo pensiero è stato pensato affinché il figlio migliore del mondo potesse fare gli auguri al papà migliore del mondo… quello del mio amico, ovviamente!”

Auguri per la festa del Papà – Frasi da dedicare

Sei un papà pieno di pazienza che mi insegna tante cose ma ho ancora tanto da imparare, ti resterò sempre vicino… ti voglio tanto bene papà!!

Caro papà non possiamo ricambiare in nessun modo tutto l’amore che ci dai. Sei fantastico in ogni cosa che fai per noi! Tanti auguri per la festa del papà!

Spero di essere per i miei figli ciò che tu sei stato per me. Ti voglio bene!

A te che nulla chiedi, a Te che dai tutto in cambio di nulla, a te che sei il pilastro della nostra famiglia, la nostra roccia…Tanti auguri Papà! Grazie di Esistere!

Avere la fortuna di avere un padre come te accanto è un dono speciale! Sei unico ! Tanti auguri per la tua festa Papà!

Prima ti ringraziavo solo per i tuoi SI, ora ti ringrazio con tutto il cuore per tutti i tuoi SI e anche per tutti i tuoi NO! Ti voglio un mondo di bene papà!

Al papà più bello, più buono, più simpatico, più gentile, più generoso, più ………tutto!! Non basterebbe il foglio per elencare quello che sei. Auguri papà!!

A te che mi hai dato tanto, mi hai insegnato a cadere ma soprattutto a rialzarmi con le mie forze…tenendomi però  sempre d’occhio da dietro l’angolo …a te dico grazie di tutto! perchè mi hai reso quello che sono adesso! e a te devo tutto! Ti voglio bene papà!

Con il tuo amore sono cresciuto e spero un giorno di essere un papà speciale come te. Auguri!!

Il regalo più bello che ho ricevuto è la costanza con cui mi hai sempre guidato. Non sono un tipo facile ma il tuo amore è IMMENSO. Sei un babbo davvero SPECIALE!!

Auguri per la festa del Papà – Le più belle Poesie sul Papà

Padre, se anche tu non fossi il mio
padre, se anche fossi a me estraneo,
per te stesso egualmente t’amerei
(Camillo Sbarbaro)

Padre, anche se

Padre, se anche tu non fossi il mio

padre, se anche fossi a me un estraneo,

per te stesso, egualmente t’amerei.

Ché mi ricordo d’un mattin d’inverno

che la prima viola sull’opposto

muro scopristi dalla tua finestra

e ce ne desti la novella allegro.

Poi la scala di legno tolta in spalla

di casa uscisti e l’appoggiasti al muro.

Noi piccoli stavamo alla finestra.

E di quell’ altra volta mi ricordo

che la sorella, mia piccola ancora,

per la casa inseguivi minacciando.

(la caparbia avea fatto non so che)

Ma raggiuntala che strillava forte

dalla paura, ti mancava il cuore:

che avevi visto te inseguir la tua

piccola figlia e, tutta spaventata,

tu vacillante l’attiravi al petto

e con carezze dentro le tue braccia

avviluppavi come per difenderla

da quel cattivo ch’era il tu di prima.

Padre, se anche tu non fossi il mio

padre, se anche fossi a me un estraneo,

fra tutti quanti gli uomini già tanto

pel tuo cuore fanciullo t’amerei.
(Camillo Sbarbaro)

Dove sull’acqua viola

era Messina, tra fili spezzati

e macerie tu vai lungo binari

e scambi col tuo berretto di gallo

isolano. Il terremoto ribolle

da due giorni, è dicembre d’uragani

e mare avvelenato. Le nostre notti cadono

nei carri merci e noi bestiame infantile

contiamo sogni polverosi con i morti

sfondati dai ferri, mordendo mandorle

e mele dissecate a ghirlanda. La scienza

del dolore mise verità e lame

nei giochi dei bassopiani di malaria

gialla e terzana gonfia di fango.

La tua pazienza

triste, delicata, ci rubò la paura,

fu lezione di giorni uniti alla morte

tradita, al vilipendio dei ladroni

presi fra i rottami e giustiziati al buio

dalla fucileria degli sbarchi, un conto

di numeri bassi che tornava esatto

concentrico, un bilancio di vita futura.

Il tuo berretto di sole andava su e giù

nel poco spazio che sempre ti hanno dato.

Ache a me misurarono ogni cosa,

e ho portato il tuo nome

un po’ più in là dell’odio e dell’invidia.

Quel rosso del tuo capo era una mitria,

una corona con le ali d’aquila.

E ora nell’aquila dei tuoi novant’anni

ho voluto parlare con te, coi tuoi segnali

di partenza colorati dalla lanterna

notturna, e qui da una ruota

imperfetta del mondo,

su una piena di muri serrati,

lontano dai gelsomini d’Arabia

dove ancora tu sei, per dirti

ciò che non potevo un tempo – difficile affinità

di pensieri – per dirti, e non ci ascoltano solo

cicale del biviere, agavi lentischi,

come il campiere dice al suo padrone:

“Baciamu li mani”. Questo, non altro.

Oscuramente forte è la vita.
Salvatore Quasimodo

Quando mi sento solo e triste sei qui con me,
quando i problemi sono troppi ho te accanto.
Non potrò mai fare abbastanza per ricompensarti
dell’amore che mi hai dato, posso solo volerti bene.
Auguri papà.

Quando mi sento solo e triste sei qui con me,
quando i problemi sono troppi ho te accanto.
Non potrò mai fare abbastanza per ricompensarti
dell’amore che mi hai dato, posso solo volerti bene.
Auguri papà.

Grazie per avermi donato le cose più importanti nella mia vita…
il tuo tempo, la tua attenzione e il tuo amore.
Buona festa del papà