proverbi napoletani

Proverbi Napoletani

Proverbi Napoletani più famosi

I proverbi napoletani sono forse i più famosi e caratteristici tra i vari detti popolari. Tramandati di generazione in generazione, le frasi in napoletano si sono trasformate in vere e proprie massime, utilizzate ogni giorno per enfatizzare avvenimenti quotidiani che accadono nella vita di sempre. Ogni occasione diventa buona per utilizzare in una frase questi proverbi, che servono a far capire al meglio il senso di una situazione o per rendere un concetto. Si dice che “ i detti antichi non sbagliano mai” e infatti è proprio questo uno dei motivi secondo il quale sono così in uso e attuali nelle frasi napoletane

Dopo i proverbi napoletani, seguirà una piccola descrizione per comprendere al meglio questi fantastici e colorati modi di dire dialettali

Proverbi Napoletani

proverbi napoletani

Chi chiagne fotte a chi rire
(chi piange frega chi ride)

Dice ‘o tiempo all’uommene: tengo fretta, me ne vaco
(disse il tempo agli uomini “ho fretta me ne vado” / il tempo passa veloce senza aspettarci)

‘O purpo se coce int’ a l’acqua soja.
(Il polpo cuoce nella propria acqua.)

Add’amice e add’ ‘e pariente nun ce’ accatta’ e nun ce vennere niente
(da amici e parenti, non comprare e non verdere niente)

Ammore ‘e mamma nun te ‘nganna.
(l’amore di una madre non ti inganna)

Ammore verace è quanno s’appicceca e se fa’ pace.
(Il vero amore è quando si litiga e si fa la pace.)

Chi se mette appaura nun se cocca cu’e femmene belle
(chi ha paura non starà mai insieme alle belle donne)

Dio è lungariéllo, ma nun è scurdariéllo
(Dio è lento ma non è smemorato)

‘A mamma d’ ‘e strunze è sempre prena.
(La mamma degli imbecilli è sempre incinta.)

Aje voglia ‘e mettere rumma, ‘nu strunzo n’addiventa maje babà
(puoi versare quanto rum vuoi, uno stronzo non diverterà mai un babà)

Dicette ‘a figliola… quann”o verètte: Uhè, che bellu capitone senza rècchie
(disse la ragazza quando lo vide ” che bel capitone senza orecchie”/ ragazza senza malizia)

Chi fraveca e sfraveca nun perde mai tiempo
(chi sta in opera/lavora non spreca mai tempo)

Chello che fa Dio tutto è buono
(quello che fa dio è sempre buono)

So’ cadute l’anielle, ma so’ restate ‘e ddéte!
(Sono caduti gli anelli ma sono rimaste le dita,/ è venuta d’improvviso la povertà, ma resta ancora la forza di lavorare e la capacità di rifarsi una vita con le proprie mani)

T’aggia’mpara’ e t’aggia perdere
(Prima devo insegnarti e poi ti devo perdere)

Vai p’aiut e truov sgarrup.
(Cerchi di dare un aiuto e trovi un peggioramento della situazione.)

Da cà a dimane nasceno ciente pape
(da ora a domani nascondo cento papi/ dall’oggi al domani cambiano tante cose)

Chi se cunfida cu’ ‘n’amico se trova cu’ nu nemico
(chi si confida con un amico potrebbe aver commesso un errore, trasformandosi in un nemico )

Detti Napoletani

Dicette ‘o pappice vicin a noce “Damme tiempo ca te spertoso”
(disse il pappice alla noce, dammi il tempo che ti buco)

Amicizia e primm’ammore non se scordano maje
(amici e il primo amore non si dimenticano mai)

A chiàgnere nu muorto so’ làcreme perze
(Le lacrime non possono richiamare in vita chi è morto)

A légge è fatta p”e fesse
(La legge è fatta per i fessi.)

Ccà nisciuno è fesso.
Qui nessuno è stupido.

Da la mattina se conosce lo male juorno
(il brutto giorno si riconosce dal mattino)

Chi fa ‘nu bene pe’ ricavarne male, è peggio ‘e n’animale.
(chi fa del bene per ottenere male , è considerato peggio di un animale)

Addò c’è gusto, nun c’è perdenza
(dove c’è gusto non c’è perdita)

L’ommo senza denare è ‘nu muòrto che cammina…
(l’uomo senza soldi è un morto che cammina)

Pigliate ‘a bona quann te vene, ca ‘a malamente nun manca maje.
(Prenditi la buona occasione quando ti capita, perché la cattiva non manca mai)

Chi va pe’ chisti mari chisti pisci piglia
(chi va per questi mari, questi pesci prende/ conseguenze di cui non meravigliarsi)

A lietto stritto corcate mmiezo.
(In un letto stretto coricati al centro.)

Pe’ fa’ ambressa ‘a gatta facette ‘e figlie cecate
(Per colpa della fretta, la gatta partorì i figli ciechi)

A vita è tosta e nisciuno t’aiuta, e si ‘na vota quaccuno t’aiuta è pe’ te dicere “t’aggio aiutato”.
(La vita è dura e nessuno ti aiuta, e se qualcuno una volta ti aiuta è per poi dirti “ti ho aiutato”.)

A mmerda sott’a neve nun se vede
( le cose cattive vengono nascoste abilmente )

Basta cu’ ‘a malincunia! Parlammo ‘e cose allegre! Comm’è stato ‘o funerale ‘e Don Ciccillo?
(riferito a chi parla sempre di disgrazie e temi infelici)

‘A raggiona è d”e fesse.
(La ragione è degli stupidi.)

E figlie so’ ppiezz e còre.
(I figli sono pezzi del proprio cuore.)

Amice ‘a luntano se vasano ‘e mane
(i veri amici anche da lontano si rispettano)

A ‘o mumento d’ ‘o besuogno ‘e meglio amice so’ ‘e denare
(nel momento del bisogno i veri amici sono i soldi)

Ogni bella scarpa cu’ ‘o tiempo addiventa scarpone.
(Ogni bella scarpa col tempo diventa scarpone, ovvero anche le donne più belle diventano brutte e sgraziate.)

Ama l’amico co lo vizio sujo
(ama l’amico con tutti i suoi difetti)

È chiù tosta la preta che la noce
(è più tosta la pietra che la noce/ consapevolezza delle proprie possibilità)

Cu n’uocchio guarda a jatta e cu n’ate frje o’ pesce.
(mentre friggi, dai  un occhio al gatto e uno al pesce)

Cu ‘a verità nun se pazzea.
(con la verità non si scherza)

Si’ ghiuto a Roma e nun haje visto ‘o Papa.
(Sei andato a Roma e non hai visto il Papa,/ ti sei affaticato inutilmente per un affare, senza ottenere l’intento sperato.)

Frasi in Napoletano

Ammore e rogna nun se po’ nasconnere
(l’amore e la rogna non possono nascondersi)

Sul’à morte nu”nc’è rimedio.
(Soltanto alla morte non c’è rimedio.)

L’ammore è ‘nu piccerillo ca nun sape cuntare
(l’amore è come un bambino che non sa contare)

Astipa ca truove
(conserva che poi te lo ritroverai)

Quann ‘o diavulo t’accarezza, vo’ ll’ anema.
(Quando il diavolo ti accarezza, vuole l’anima.)

‘A spesa nun vale ‘a ‘mpresa.
(La spesa non vale l’impresa.)

Chella ca l’aiza ‘na vota l’aiza sempe
(La donna che l’ha fatto una volta, lo farà sempre.)

E pariente so’ comm’ ‘e scarpe, cchiù so’ estritte e cchiù te fanno male
(i prenti sono come le scarpe, più sono stretti più fanno male)

L’ammore è comm’ ‘o ffuoco, guaje a chi ce pazzea.
(L’amore è come il fuoco, guai a scherzarci.)

Chello, che te dice lo specchiale non te lo ddice soreta carnale
(ciò che vedi nello specchio non lo dice neanche tua sorella carnale)

Chello che non se fa non se sape
(quello che non si fa non si sa)

‘O cummanna’ è meglio d’ ‘o fottere.
(Comandare è meglio del fare sesso).

Femmene ‘e chiesa, diavule ‘e casa
(le donne di chiesa sono diavole a casa)

Nun se fa niente pe’ ssenza niente.
(Non si fa niente per niente.)

E ditte antiche nun fallisceno maie
(i detti antichi non falliscono mai)

Nisciuno è nato ‘mparato.
(Nessuno è nato già istruito.)

L’ammore d’ ‘o lietto fa scurdà chello d’ ‘o pietto
(l’amore della passione fa dimenticare quello del cuore)

Int’ a vocca chiusa nun tràseno mosche
(se tieni la bocca chiusa non entrano mosche)

Chi se cocca cu’ ‘e criature se sose ‘nfuso
(chi si addormenta con i bambini, si risveglia bagnato, inteso in senso di fiducia a chi non la merita)

Dio te guarda da ‘e pezziente sagliute
(Dio ti guardi dal pezzente arricchito.)

A carne ‘a sotto e ‘e maccarun ‘a coppa.
(La carne sotto e i maccheroni sopra/ le cose vanno al contrario di come dovrebbero realmente andare.)

Chi se ntrica resta ntricato
(chi si immischia nei fatti altrui, resta invischiato)

Chi t’è amico te parla ‘nfaccia, chi no te parla arreto
(chi ti è amico ti parla in faccia e non ti spala dietro)

L’ammore è ‘nu piccerillo ca nun sape cuntare.
(L’amore è un bambino che non sa contare / l’amore agisce in modo avventato)

Chi te sape t’arape
(chi ti conosce ti apre/ commette furto in casa tua)

A chi parla areto, ‘o culo ‘o risponne.
(A chi parla alle spalle, risponde il sedere.)

Chi te vò bene te fa chiagnere
(chi ti vuole bene, ti fa piangere /ti dice la dura verità che può far male)

A ‘o core nun se cummanna.
(Al cuore non si comanda.)

Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha rat, ha rat.
(Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha dato, ha dato.)

E denare fanno veni’ a vist’ ai cecati
( i soldi fanno ritrovare la vista ai ciechi)

Femmena aggraziata vole essere pregata
( la donna bella desidera esssere corteggiata)

Primm’ e cunfett’ e poi e difett’.
(Prima le nozze e poi i difetti/prima ci si sposa e poi escono fuori i difetti.)

Guarda ‘e nun ‘nciampà ‘nnanz a porta e casa toja
(vedi di non inciampare dinanzi la soglia di casa tua / non criticare gli altri se non sei migliore di loro)

Ha fatto ‘a fine d”o tracco: tanti bbòtte e po’ dint’a’ munnézza
(hai fatto la fine dei fuochi: tanti scoppi e poi nella spazzatura)

Chi bella vo’ pare’, nu poc adda’ pate’.
(Chi vuole apparire bella, un po’ deve soffrire.)

Giova sempre l’essere cortese
(è sempre buono essere cortese)

Proverbi Famosi in Napoletano

Adda passà ‘a nuttata.
(Deve passare la nottata/ deve passare un brutto periodo.)

Senza l’amaro non se prova doce
(se non si prova l’amaro non si gusta il dolce)

Se dice ‘o peccato, ma no ‘o peccatore.
(Si dice il peccato, ma non il peccatore.)

L’amico vero nun dicette, ma facette
(il vero amico non parla, agisce)

L’ammore è comm’ ‘o ffuoco, guaje a chi ce pazzea
(l’amore è come il fuoco, guai a chi ci gioca)

O bue chiamma cornuto a ll’aseno
(il bue chiama cornuto l’asino)

‘O pesce fète d’ ‘a capa.
(Il pesce puzza dalla testa.)

Meglio sulo, che male accompagnato
(meglio solo che in cattiva compagnia)

Chi nasce tondo nun pò murì quadro.
Chi nasce rotondo non può morire quadrato / chi nasce in un determinato modo non non può cambiare facilmente

l’uocchie so peggio re scuppettate
( il malocchio è peggio dei colpi di arma)

Mazze e panelle fann e figli bell, panelle senza mazze fanno e  figli pazz
(le punizioni e le pagnotte fanno i figli belli, le pagnotte senza punizioni fanno crescere i figli pazzi)

Pe’ n’aceno ‘e sale se perde ‘a menesta
(per colpa di un grano di sale in più si è persa la minestra/ per un piccolo dettaglio si è rovinato un lavoro importante)

Rice sì, ca nun è peccato
(dici di si, che non è peccato)

Storta va deritta vene, sempre storta nun pò gghì
( quando la giornata inizia storta, diritta diviene. sempre storta non può andare)

Tutte diceno ca l’ammore è amaro, ma ognuno vo’ pruva’ se po’ è overo
(tutti dicono che l’amore è amaro, ma ognuno vuol provare se è davvero così)

Uócchio ca nu’ vére, còre ca ‘nu ddesìdera
(cuore che non vede, cuore che non desidera)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.