detti popolari siciliani

Proverbi Siciliani

I proverbi Siciliani più famosi

Proverbi, detti popolari e citazioni Siciliane. Qui sono racchiuse le più belle citazioni e modi di dire siciliani che hanno contribuito a rendere fantastico il dialetto della Sicilia! detti popolari sicilianiRicca di storia e tradizioni,  possiede un bagaglio preziosissimo di frasi siciliane chiacchierate dalle generazioni, passate e tramandate man mano nel tempo che hanno reso possibile un vero e proprio archivio di proverbi siciliani sulla vita. Poche parole associate spesso ad espressioni ad hoc, riescono a spiegare la realtà e la filosofia di vita con un colore unico che solo i dialetti possono donare.

Proverbi siciliani divertenti, sulla vita, sulle donne e sul cibo e tanti altri sono i temi toccati da queste bellissime massime. Godetevele tutte!

Detti Siciliani divertenti e sulla vita

Di seguito una selezione dei migliori detti in siciliano sul cibo, sulle donne e sull’amore:

Aceddu `nta la aggia non canta p`amuri, ma pi raggia.
(Uccello in gabbia non canta per amore, ma per rabbia)

Vinu vecchiu e ogghiu novu.
(Il vino deve essere vecchio e l’olio nuovo)

Cu pava prima, mangia pisci fitusu
(Chi paga prima, mangia pesce marcio)

Cu’ è picciottu è riccu.
(chi è giovane è ricco)

Cu’ nesci, arrinesci.
(Chi esce, riesce)

Cu’ arrobba pri manciari, nun fa piccatu.
(Chi ruba per mangiare, non fa peccato)

Cu’ bedda voli appariri, tanti guai havi a patiri.
(Chi bella vuole apparire, tante sofferenze deve subire)

Occhi chi aviti fattu chianciri, chianciti.
(Occhi che avete fatto piangere, piangerete)

A fissaziuni jè peggiu da malatìa.
(La fissazione è peggio della malattia)

O ti manci sta minestra o ti abbi da finestra.
(O mangi questa minestra o ti lanci dalla finestra)

Libbirtati e saluti cui ha, è riccu e nun lu sa.
(Chi ha salute e libertà, è ricco e non lo sa)

Nun prumettiri e santi diuna né e carusi cudduruna.
(Non promettere ai santi digiuni e ai ragazzi focacce.)

Cu mancia fa muddichi.
(Chi mangia fa briciole)

Dissi ‘ u vermi a nuci: dammi tempu cca’ ti spirtusu.
(Disse il verme alla noce: dammi tempo che ti buco)

Bon tempu e malu tempu, nun dura tuttu tempu.
(Buon tempo e brutto tempo non durano sempre)

Vecchiu ‘nnammuratu di tutti è trizziatu.
(Vecchio innamorato è da tutti deriso)

Cu’ pecura si fa, lupu su’ mancia.
(Chi pecora diventa, viene mangiato dal lupo)

Dopu a quarantina, un mali ogni matina.
(Dopo i 40 anni un male ogni mattina)

Cu fa credenza senza aviri pignu perdi la roba l’amicu e lu ‘ngegnu.
(Chi presta senza avere un pegno perde sia il prestito che l’amico)

Occhiu ca non viri, cori ca non doli.
(occhio che non vede, cuore che non duole)

A testa ianca, spissu lu sennu manca.
(Anche se si ha la testa di capelli bianchi, spesso non si è ancora maturi)

Le migliori Frasi in Siciliano divertenti e sulla vita

Lu sazio nun cridi a lu dijunu.
(Chi è sazio non crede al digiuno)

Dui su` i putenti, cu avi assai e cu non avi nenti.
(Due sono i potenti, chi ha tanto e chi non ha niente)

Non ci aiu mancu sali di salera.
(Non ho neanche il sale della saliera)

Attacca lu sceccu unni voli u patruni
(Attacca l’asino dove vuole il padrone)

Cu spatti avi a megghiu parti.
(chi divide ha la parte migliore)

La donna, lu ventu e la vintura pocu dura.
(La donna, il vento e la sorte poco durano)

Di lu nemicu, ‘un pigghiari consigghiu.
(Dal nemico, non prendere consigli)

Diu a cu’ voli beni, manna cruci e peni.
(Dio manda dolori e pene, a chi vuole bene)

Si vo’ passari la vita cuntenti, statti luntanu di li parenti.
(Se vuoi stare sereno, stai lontano dai parenti)

Di marti nè si spusa nè si parti.
(Di martedì non ci si sposa né si parte)

A vita iè comu a scala do puddaru: iè cutta e china ‘i medda.
(La vita è come la scala del pollaio: è corta e piena di merda)

Geniu fa biddizza.
(l’intelligenza attira)

A lavari la testa a lu sceccu si perdi acqua, sapuni e tempu.
(A lavare la testa all’asino si perde acqua, sapone e tempo)

Ogni cani è liuni na sò casa.
(ogni cane si sente leone a casa sua)

Li megghiu parenti su ‘li spaddi.
(I migliori parenti sono le proprie braccia)

L’Amuri è musuratu, cu lu porta, l’havi purtatu.
(L’amore è misurato, chi lo porta, lo riavrà indietro)

Acqua, cunsigghiu e sali a cu n`addumanna `n ci nni dari.
(
Acqua, consiglio e sale non darli a chi non te ne chiede.)

Proverbi siciliani divertenti

Di seguito una selezione di frasi siciliane divertenti:

Li megghiu sciarri su’ chi parenti.
(Le liti più grandi sono tra parenti)

Aspittari e non veniri, jiri a tavula e non manciari, jiri o lettu e non durmiri su` tri peni di muriri.
(Aspettare qualcuno che non viene, andare a tavola e non mangiare, andare a letto e non dormire sono tre pene da morire)

Prima di fari un passu, assicurati di putiri fari l’autru.
(Prima di fare un passo assicurati di poterne fare un altro)

Carciri, malatia e nicissità, si viri lu cori di l’amici.
(Nel carcere, nella malattia e nelle necessità, si vede il cuore degli amici)

Cu arrobba fa un piccatu, ni fa centu cu è arrubbatu.
(Chi ruba fa peccato, chi è derubato ne fa cento)

Amuri nun senti cunsigghi.
(L’ Amore non sente consigli)

Nun c’è sabitu senza suli e nun c’è fimmina senza amuri.
(Non c’è sabato senza sole e non c’è donna senza amore)

Cu bonu simina, megghiu arricogghi.
(Chi bene semina, meglio raccoglie)

Cu mania non pinia.
(chi lavora non pena)

Casa senza omu, casa senza nomu.
(Casa senza uomo, casa senza nome)

U megghiu beni è lu menu mali.
(Il male minore, questo è il miglior bene)

Uomu di panza uomu di sustanza.
(uomo di pancia, uomo di sostanza)

A lupu vecchiu, nun si ‘nzigna la tana.
(A vecchio lupo non si insegna la tana)

Cu n’arrisica na’ arrussica
(Chi non risica non rosica)

Tutti i cunsigghi pìgghia, ma u to nun u lassari
(ascolta tutti i consigli, ma non abbandonare la tua idea)

Prima ‘i parari mastica i paroli
(prima di parlare, mastica le parole/prima di parlare, pensa alle parole)

Cu’ perdi un amicu, scinni un scalino.
(Chi perde un amico, scende di uno scalino)

Frasi Siciliane e Modi di Dire  della Sicilia

A ucca è quantu n’aneddu, si mangia turri, palazzi e casteddu.
(La bocca è quanto un anello, ma si mangia torri, palazzi e castelli)

A pignata vaddata non vugghi mai.
(La pentola se la guardi non bolle mai)

Cu lassa a vecchia ppà nova peggiu s’attrova.
(Chi lascia la vecchia per la nuova si troverà male.)

Ccu amici e ccuparenti, ‘un accattari e ‘un vinniri nienti.
(dagli amici e dai i parenti, non comprare e non vendere niente)

Cu avi lingua arriva a Roma
(Chi ha lingua arriva a Roma)

Cu campa vecchiu si fa’.
(Chi vive diventa vecchio)

Acqua, cunsigghiu e sali a cu n`addumanna `n ci nni dari.
(Acqua, consiglio e sale non darne a chi non te ne chiede.

Nun ludari la jurnata si nun scura la sirata.
(Non lodare la giornata se non è passata la serata)

Cu sputa ‘ncelu ‘nfacci ci tonna.
(non sputare in cielo perchè in faccia ti ritorna)

Quannu u diavulu t`alliscia voli l`arma.
(quando il diavolo ti accarezza, vuole l’anima)

Fa’ beni e scordatillu, fà mali e pensaci.
(fa del bene e dimenticalo, fai del male e pensaci)

Fimmina pilusa bona vinturusa
(donna pelosa, donna fortunata)

Lu gilusu mori curnutu.
(Il geloso muore cornuto)

Teniri na vipera intra la manica.
( crescere una serpe in seno)

Quannu la furtuna vota ogni amicu s’alluntana
(quando la fortuna gira, tutti gli amici si allontanano)

Nuddu si pigghia si non si rassumigghia.
(nessuno si prende se non si assomiglia)

Quannu la lingua voli parrari, prima a lu cori a dumannari.
Quando la lingua vuole parlare, deve prima chiedere al cuore.

Tali patri tali figghiu.
(tale padre, tale figlio)

Triulu ‘nsigna a chianciri.
(il dolore insegna a piangere)

Proverbi catanesi

Particolarmente fieri dei loro proverbi sono i catenesi, molto interessanti tanto da dedicarci una sezione proprio per loro . Detti popolari divertenti e ricchi di storia e tradizione, espressioni tipiche siciliane con un tocco di corcoscrizione in più 😉

Detti Catanesi – I più bei proverbi catanesi divertenti

Va’ a piglia a Marta cu lu scuru
(arriva a Malta con il buio)
(detto catanese utilizzato spesso dalle persone anziane quando difronte all’incredulità di un evento, esprimono la loro diffidenza con questo detto popolare, ossia l’impresa di raggiungere l’isola di Malta immersa in pieno Mar Mediterraneo , scarsamente visibile al buio sia dalle navi che dagli aerei)

Aviri u culu chinu
(Possedere tanto e non saperlo apprezzare)

 Abbagnaricci u pani
(Gioire dele disavventure altrui)

Cu metti cavigghi, e cu metti puttusa!
(C’è chi aggiusta e chi cerca di rovinare).

Sta beni, lamentati!
(Stai bene, lamentati!)
(Si dice di chi suole lamentarsi sempre, pur godendo di buona salute e sorte economica)

Ogni fighiteddu di musca è sustanza
(meglio di niente)

O sorti, o morti
(O la va o la spacca)

Va fatti monacu!
(va a fartio monaco!)
(Espressione simpatica per mandare a quel paese qualcuno)

Fatta la liggi, si trova l’ingannu
(Fatta la legge, si trova l’inganno)

Cu fici, fici
(Chi ha fatto, ha fatto)
(Inutile piangere sul latte versato)

 Dintra comu na gaddina e fora comu na regina
(Dentro come una gallina e fuori come una regina)
(si allude alle donne che in casa non si curano della bellezza, ma quando escono di casa si truccano e agghindano)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.